domenica 3 febbraio 2019

Vicissitudini. Preghiamo per le diocesi


In questi giorni sono andato a cercare di far approvare il mio “Rosario di San Michele Arcangelo”: c'è stata un po' di maretta (SENZA parolacce: io non ne dico mai e quello davanti a me era un sacerdote). Mi risuonano solo nella mente le parole profetiche di Papa Benedetto XVI: “C'è tanta sporcizia oggi nella Chiesa”.
Per carità di patria non aggiungo altro.

Rimango un figlio devoto e fedele della santa Chiesa Cattolica.

Preghiamo per la conversione dei sacerdoti, in particolare quelli delle nostre diocesi e perché il Rosario di San Michele Arcangelo venga approvato, quando la Madonna vorrà, possibilmente il mese prossimo (il sacerdote mi ha detto che ci vorrà 1 mese perché il vescovo lo veda).
Preghiamo, perdoniamo col cuore senza però dimenticare e amiamo. Preghiamo, preghiamo, preghiamo.

San Michele Arcangelo prega per noi, per le nostre famiglie, per le nostre diocesi, per la Santa Chiesa e per il mondo intero!

Se avete letto tutto rispondete: “Laudato si' o mi' Signore” o “Lodato sii o mio Signore” o in una maniera simile (ma possibilmente corretta).

Nessun commento:

Posta un commento