Diritti d'autore

Non potete fare un uso commerciale della mie preghiere e/o dei miei articoli teologici, ma potete distribuirli GRATUITAMENTE, SENZA MODIFICHE (SALVO UN'ONESTA E BEN FATTA TRADUZIONE IN ALTRE LINGUE) e ATTRIBUENDOMI LA PATERNITA' (mi chiamo Michele Guglielmino).
E' sostanzialmenete una licenza Creative Commons BY - NC - ND con in più la libertà di TRADUZIONE (FEDELE).
QUESTE CONDIZIONI VALGONO PER TUTTE LE MIE PREGHIERE E SCRITTI (TEOLOGICI E NON SOLO) PASSATI E FUTURI che si trovano in questo blog (o in altri blog miei o altrui), salvo diversa ed ESPLICITA indicazione.

giovedì 15 settembre 2016

Preghiera recitata spesso da Santa Teresa - Ricordati o piissima Vergine Maria...

da http://paolotescione.altervista.org




Questa preghiera è stata tramandata oralmente dalla tradizione cattolica e la sua origine è incerta. Madre Teresa di Calcutta la recitava 9 volte di seguito per invocare una grazia alla Beata Vergine.

Ricordati, o piissima Vergine Maria,
che non si è mai udito
che qualcuno sia ricorso alla tua protezione,
abbia implorato il tuo patrocinio
e domandato il tuo aiuto,
e sia rimasto abbandonato.
Sostenuto da questa fiducia,
mi rivolgo a te, Madre, Vergine delle vergini.
Vengo a te, con le lacrime agli occhi,
colpevole di tanti peccati,
mi prostro ai tuoi piedi e domando pietà.
Non disprezzare la mia supplica,
o Madre del verbo,
ma benigna ascoltami ed esaudiscimi.


Versione che conosco io (cioè l'autore di "Cristianesimo"):

Ricordati, o piissima Vergine Maria,
che non si è inteso mai alcuno
che sia ricorso alla tua protezione,
abbia richiesto il tuo aiuto,
e sia rimasto da te abbandonato.
Animato da tale confidenza,
mi rivolgo a te, Madre, Vergine delle vergini.
per implorare questa grazia. (dire la grazia)
Non disprezzare la mia supplica,
o Madre del verbo,
ma benigna ascoltami ed esaudiscimi.

Versione originale in latino (da www.preghiamo.org): 

Memoráre, o piíssima Virgo María, non esse audìtum a sǽculo, quémquam ad tua curréntem præsìdia, tua implorántem auxìlia, tua peténtem suffrágia, esse derelíctum.
Ego tali animátus confidéntia, ad te, Virgo Vìrginum, Màter, curro, ad te vénio, còram te gémens peccàtor assisto.
Noli, Màter Verbi, verba mea despícere; sed áudi propìtia et exáudi.
Croce Amen.