Diritti d'autore

Non potete fare un uso commerciale della mie preghiere e/o dei miei articoli teologici, ma potete distribuirli GRATUITAMENTE, SENZA MODIFICHE (SALVO UN'ONESTA E BEN FATTA TRADUZIONE IN ALTRE LINGUE) e ATTRIBUENDOMI LA PATERNITA' (mi chiamo Michele Guglielmino).
E' sostanzialmenete una licenza Creative Commons BY - NC - ND con in più la libertà di TRADUZIONE (FEDELE).
QUESTE CONDIZIONI VALGONO PER TUTTE LE MIE PREGHIERE E SCRITTI (TEOLOGICI E NON SOLO) PASSATI E FUTURI che si trovano in questo blog (o in altri blog miei o altrui), salvo diversa ed ESPLICITA indicazione.

giovedì 18 marzo 2021

Il mio Testamento Spirituale - parte 2°

 Vi dico subito che sono CONTRARISSIMO alla scomparsa del lavoro manuale.

Il lavoro manuale è previsto dalla Bibbia e serve a dare dignità a quei Figli della Luce che NON vogliono o non hanno le capacità intellettuali di studiare per lunghi periodi.
Per questo sono per un uso MINIMALE dei R
OBOT e in ambiti specifici.

Per quanto riguarda l'Intelligenza Artificiale (IA o, in inglese, AI), condivido con vari scienziati, critici, pensatori, ecc. che un'intelligenza artificiale TROPPO intelligente possa dominare il mondo – oltre a distruggere / rendere inutile non solo i lavori impiegatizi, ma anche molte professioni (compresa quella di medico). Quindi un uso limitato e per mansioni semplici e routinarie. Non di più.

Per quanto riguarda i semplici BOT e Software che NON incorporino INTELLIGENZA ARTIFICIALE non vedo eccessivi problemi, salvo non siano eccessivamente difficili da usare (ma questa – immagino – è anche una buona prassi commerciale e di rispetto dell'utente che a volte usa tali software in ambito lavorativo o semi-professionale).

Per i Computer sono da sempre favorevole, ma senza cercare la potenza assoluta. Già oggi abbiamo ottimi computer, inimmaginabili fino a cent'anni fa.

Gli smartphone sono un compagno di chi non può collegarsi da casa. Personalmente non li amo particolarmente (salvo
per il fatto che tengono gli indirizzi ben ordinati)… anche qui il progresso potrebbe arrestarsi o quasi.

Sono quindi per un approccio “prudente” e “conservativo” alla tecnica e per una maggiore valorizzazione dell'arte e dell'artigianato almeno in ambito fisico.
Nell'ambito della tecnica biomedica (salvo per quel concerne l'AI) p
referisco NON pronunciarmi, ma ricordo che il corpo è tempio dello Spirito Santo ideato a gloria di Dio, NON una macchina o un “robot in carne ed ossa”.

Queste 2 prime parti sono quelle, per così dire essenziali del mio pensiero.

Buon pomeriggio,
Michele

Nessun commento:

Posta un commento